Home

ITGEST s.r.l.

ia Pio XII, 2 - 73033 - Corsano (Le)

tel +39 0833 935053 - +39 346 0961638

+39 346 0961638+39 328 4426418 +39 0833 935053          DALLE 9,30 ALLE 13,30 - DALLE 17,00 ALLE 19,00          DAL LUNEDì AL VENERDì  

La pizzica pizzica salentina

Quando di parla di pizzica pizzica s’intende una forma, ormai famosa in tutto il mondo, di danza salentina che viene ballata generalmente in coppia, di solito un uomo e una donna. Sembra che lo scopo principale sia il proporre attraverso il ballo, un corteggiamento! I due ballerini, muovendosi sul ritmo della pizzica salentina, musica composta da strumenti quali tamburello a cornice, violino, armonica a bocca, fisarmonica, flauto e altri, cercano di stilizzare un vero e proprio corteggiamento: facendo attenzione a non toccarsi mai (sembra questa una delle regole principali!), i due si cercano, si sfiorano, si allontanano senza mai perdersi di vista.

È nella danza che i due amoreggiano e attraverso passi ben definiti, movenze stabilite e tacitamente accordate danno vita ad una esplosione di sentimenti: la donna civettuola, che da preda diventa unica protagonista del ballo, si fa attendere, scappa, si nasconde, devia dall’attenzione di un uomo troppo spesso intento ad inseguire e a quasi elemosinare le attenzioni di lei. Chi invece, conosce la prassi del ballo, pone maggiore attenzione allo sguardo, unica trasmissione di sentimenti tra la coppia: è con gli occhi che i due si parlano, giocano con l’amore!

La pizzica pizzica, nella sua accezione ritmica, invece, nasce come musica terapeutica: essa veniva suonata per liberare le “pizzicate” dal veleno provocato dal morso della tarantola, attraverso il sudore e lo spasimo. Le “tarantolate” (spesso erano le donne ad essere colpite dal cosiddetto “male di San Paolo”) attraverso il ballo, che perseguiva per ore ed ore senza mai fermarsi fino allo sfinimento, trovarono il modo per uccidere il ragno e liberarsi dal malessere provocato dal morso. Durante la notte tra il 29-30 giugno, le tarantolate venivano accompagnate a Galatina (LE), presso la Cappella di San Paolo (oggi meta di turisti), per chiedere la grazia al loro santo protettore. Sembra che, proprio da alcuni movimenti eseguiti dalle tarantate durante la terapia, nasca la pizzica pizzica come ballo di coppia e di corteggiamento.

Il "fazzoletto", è stato (ed è ancora, per chi balla!) un accessorio immancabile nell'abbigliamento di un tempo, e che veniva usato nel momento del ballo per invitare, sventolandolo, il partner prescelto e per ravvivare con i suoi colori la danza.

Anche se si perde l’occasione di vedere la pizzica pizzica in questi momenti legati più alla ciclicità del calendario religioso, non mancano, durante l’arco dell’estate, occasioni per partecipare alle ronde che si aprono e si chiudono sulle piazze di Galatina come anche quelle di Salve o di Tricase e di tanti altri luoghi del Salento. Venire in vacanza in questo territorio, è certamente un’occasione da non perdere se si è alla ricerca di qualcosa di veramente genuino e autentico. L’offerta di un ampio ventaglio di scelte tra case per vacanza e/o residence in riva al mare, sia che si sceglie di stare tra la scogliera di Novaglie - S. Maria di Leuca, piuttosto che verso la lunga lingua di sabbia di Salve e Morciano, non è altro che un ulteriore valore che questo fantastico lembo di terra concede!

News

Le discoteche del Salento
Negli ultimi anni il Salento è diventato meta ambita di giovani e giovanissimi, grazie anche alla sua movida, sempre più coinvolgente, legata ai...
Residence a Castellaneta
Per chi desidera trascorrere le proprie vacanze a Castellaneta, nel Salento, il residence può risultare la formula abitativa più giusta. Scegliere...
Il Castello di Cannole
Il Salento e i suoi spettacolari paesaggi attirano, in qualsiasi periodo dell'anno, tantissimi turisti che scelgono i piccoli borghi pugliesi per...