Home

ITGEST s.r.l.

ia Pio XII, 2 - 73033 - Corsano (Le)

tel +39 0833 935053 - +39 346 0961638

+39 328 4426418 +39 0833 531081          DALLE 9,30 ALLE 13,30 - DALLE 17,00 ALLE 19,00          DAL LUNEDì AL VENERDì  

Pettole/Pittule

La pettola (o pittula)è una specialità tipica del Salento ed ha la classica forma della frittella; si presenta lievemente croccante nella parte esterna e di colorazione dorata a causa del processo di frittura, mentre è molto soffice e di colore bianco nella parte interna. Va consumata calda. Gli ingredienti impiegati sono farina "00" (ricavata dalla macinazione di grani teneri), semola rimacinata di grano duro e olio extra vergine di oliva regionale.
Esistono varianti della pettola (o pittula) salentina realizzate con acciughe, cavolfiori, peperoni. Possono essere anche calate nel vinocotto caldo o passate nello zucchero semolato.
Vengono consumate nel Salento soprattutto nel periodo che va da San Martino (11 novembre) all'Epifania.


Vivi le tue vacanze nel Salento con Salento Club!


Ecoo la ricetta  e il modo per preparare la pettola (o pittula) salentina,  tipica specialità culinaria del Salento.
Buon appetito dal Salento!

 

 

RICETTA

Ingredienti

- 1 kg di farina
- 1 cubetto di lievito di birra
- olio
- sale (q.b)

Aggiungere filetti di acciuga dissalata, cavolfiori, peperoni a piacimento

 

PREPARAZIONE

Mescolare e impastare la farina fino a quando non si ottiene un impasto morbido, senza grumi e "gonfio". Far lievitare l'impasto in un posto abbastanza caldo (ma non in forno) per almeno tre ore o, comunque, fino a quando il volume non aumenta di almeno tre volte. Friggere in olio abbondante e abbastanza fumante dopo aver ricavato dall'impasto delle palline grandi quanto una noce.